Questa è una storia inventata di sana pianta

Di una bimba triste che tra i libri si incanta

Ha sottili capelli color dell’oro

Occhiali spessi per trovare un tesoro

È bassa , piccolina e magrolina

Ma con un portamento da regina

Osserva il mondo ed è curiosa

Eppur non fa domande, è timorosa

Perché se parla e poi balbetta

Non lo sa che è colpa della fretta

Del suo pensare così veloce

Fiume che corre in cerca della foce

Scorre potente tra la testa e la gola

Così lei impara a stare  sola

Questa è una storia inventata di sana pianta

Di una bimba triste che tra i libri si incanta

Con l’occhio bendato come un pirata

Quanta  fatica sentirsi osservata

Lei che voleva fare la principessa

Solo da un lato si guarda riflessa

E le parole che non vuole  dire

Tutte su un foglio vanno a finire

Uno sull’altro per farne un racconto

Che puoi leggere quando sei pronto

Qualcuno però  non lo sarà mai

Poco male, non sono questi i guai

Scrive e solo così si sente bella

Scrive e non inciampa la favella

Scrive e dimentica la tristezza

Scrive con il pugno e con la carezza

Scrive una storia inventata di sana pianta

Di una bimba grande che tra i libri si incanta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...